Pensione: la quattordicesima mensilità è spalmata su 13 mensilità? Tutto cambia per i dipendenti pubblici

Sulle pensioni dei dipendenti pubblici spetta la quattordicesima mensilità? È questa la domanda a cui rispondiamo oggi e qual è l’importo spettante.

Sono tanti i dubbi se spetta o meno la quattordicesima mensilità per i pensionati statali ex INPDAP adesso INPS.

In merito un Lettore pone il seguente quesito: “Buongiorno dal 31 ottobre sarò in pensione, sono stato assunto ad aprile del 1983 e per mezzo della mia invalidità ho usufruito di 3 anni di bonus (2 mesi per ogni anno di invalidità dal 2000). Sono ex INPDAP ora tutto INPS e prendendo la 14°esima mi hanno detto che verrà spalmata sulle 13 mensilità. È possibile sapere più o meno quanto andrò a percepire di pensione? Vi ringrazio. Cordiali saluti“.

Pensione: la quattordicesima mensilità è spalmata su 13 mensilità?

In linea generale ai dipendenti del pubblico impiego non spetta la quattordicesima mensilità. Precisiamo che la quattordicesima è una mensilità aggiuntiva erogata generalmente a luglio. Tuttavia, le singole amministrazioni possono prevedere in busta paga voci analoghe o sostitutive. Ad esempio, per alcune categorie di lavoratori dipendenti del Senato o della Camera, sono corrisposti in aggiunta alla mensilità ordinaria, elementi retributivi aggiuntivi. Inoltre, la mensilità aggiuntiva se spettante, è stabilità nel CCNL di categoria.

Diverso è per i pensionati ex INPDAP che hanno diritto alla quattordicesima mensilità.

In effetti i pensionati pubblici iscritti alla gestione ex INPDAP che hanno un’età pari o uguale a 64 anni, hanno diritto ad un trattamento aggiuntivo erogato con l’assegno pensionistico di luglio. Inoltre, è richiesto un requisito reddituale fino a due volte il minimo (nel 2022 è pari a 13.633,10 euro). Nel calcolo del reddito non sono considerati gli assegni familiari, il reddito per la prima casa, l’indennità di accompagnamento, gli arretrati con tassazione separata e il trattamento di fine rapporto.

Come si calcola

Il calcolo della somma aggiuntiva per i pensionati, come sopra riportato, dipende dal requisito reddituale e dagli anni di contribuzione. Nel 2022 un pensionato che ha un reddito fino a due volte il minimo (13.633,09 euro) e quindici anni di contributi, percepirà un minimo di 336 euro, fino ad arrivare ad un massimo di 655 euro per chi ha un reddito fino a 1,5 volte il minimo (10.224,82 euro) e una contribuzione superiore a 25 o 28 anni, se si tratta rispettivamente di pensione da lavoro dipendente o autonomo.

Importi della quattordicesima mensilità

Tabella pensione fino a 1,5 volte il minimo

Lavoratori dipendenti e anni di contribuzioneLavoratori autonomi e anni di contribuzioneSomma aggiuntiva fino al 2016Somma aggiuntiva dal 2017 ad oggi
Fino a 15 Fino a 18 336 €437 €
Oltre 15 e fino a 25Oltre 18 fino a 28420 €546 €
Oltre 25Oltre 28504 € 655 €
Pensioni fino a 1,5 volte il minimo

Tabella pensioni da 1,5 a 2 volte il minimo

Lavoratori dipendenti e anni di contribuzioneLavoratori autonomi e anni di contribuzioneSomma aggiuntiva fino al 2016
Fino a 15Fino a 18336 €
Oltre 15 e fino a 25Oltre 18 fino a 28420 €
Oltre 25Oltre 28504 €
Pensioni da 1,5 a 2 volte il minimo

Come conoscere l’importo della pensione spettante

Per conoscere qual è l’importo che spetta dopo una carriera lavorativa, è semplice con il simulatore INPS “la mia pensione futura“. Per effettuare il calcolo bisogna considerare tre elementi fondamentali: retribuzione/reddito, età e storia lavorativa. Qui, tutte le indicazioni:

Entra nella Community e nella Chat del Gruppo WhatsApp al numero 379 122 78 26 con notizie sul lavoro, sull’invalidità, sulle pensioni, sui vari bonus e Legge 104. Nei gruppi Facebook puoi confrontarti con migliaia di persone con i tuoi stessi interessi:

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE