Dormire più di 8 ore può aumentare il rischio di demenza, lo studio

Dormire a sufficienza è essenziale per la salute, ma passare troppo tempo a letto potrebbe avere un impatto negativo? Un recente studio che ha coinvolto 1.982 anziani in Cina, ha messo insieme vari fattori, tempi, qualità e durata del sonno con la demenza.

I risultati dello studio, riportati su Medical News Today, suggeriscono che dormire troppo a lungo o andare a letto troppo presto aumenta il rischio di demenza. In effetti, il rischio, secondo lo studio, è del 69% maggiore per gli individui che dormivano per più di 8 ore e il doppio per quelli che andavano a dormire prima delle 21. Inoltre, gli uomini che si alzavano dal letto troppo presto o troppo tardi mostravano maggiori segni di declino cognitivo. Tuttavia, i ricercatori non hanno trovato questo effetto nelle donne che si alzavano tardi o mattiniere.

Dormire più di 8 ore può aumentare il rischio di demenza

Lo studio evidenzia come gli anziani che riferiscono un tempo prolungato a letto o che si alzano presto o tardi dovrebbero essere monitorati per segni di declino cognitivo. Lo studio incoraggia le persone ad andare a letto più tardi, in questo modo possono respingere il declino cognitivo e la demenza, anche se necessitano ulteriori studi in merito.

La ricerca ha lasciato molti dubbi, ci sono alcune cose da criticare, come la dipendenza dall’auto-segnalazione. Lo studio ha rilevato che il rischio di demenza era del 69% maggiore per gli individui che dormivano per 8 ore, rispetto a 7-8 ore. Il rischio era anche il doppio per coloro che andavano a dormire prima delle 21:00, rispetto alle 22:00 o più tardi.

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE