L’inflazione aumenta e le azioni crollano: la vendetta degli investitori

I dati sull’inflazione sono bollenti e mettono a dura prova il mercato finanziario, ma gli investitori sembrano ormai abituati ai colpi allo stomaco e rispondono con una vendetta assoluta.

L’inflazione negli Stati Uniti è aumentata più del previsto, toccando un massimo di quattro decadi. La reazione del mercato è contrastante. L’IPC è salito dello 0,4% su base mensile e dell’8,2% su base annua, mentre l’inflazione di fondo (esclusi i prezzi volatili di cibo ed energia) è salita dello 0,6% su base mensile e del 6,6% su base annua, registrando il più grande aumento dell’inflazione di fondo in un mese dall’agosto 1982.

Inflazione
Inflazione – Pixabay

L’inflazione è aumentata: i timori della Fed

Questa situazione rafforza i timori che la Fed non abbia intenzione di cambiare i suoi rialzi aggressivi dei tassi. Anche se allo stesso tempo c’è chi pensa che l’IPC sia una lettura dell’inflazione inaffidabile a causa del ritardo nel reporting. Cathie Wood, ha ipotizzato che la Fed stia guardando alle metriche sbagliate per prendere decisioni.

Le azioni crollano: la vendetta degli investitori

Nella giornata di venerdì 14 ottobre, dopo il comunicato, le azioni sono crollate  pesantemente. Tutti e quattro i principali indici sono caduti a picco, ma è bastato poco per ritornare a  ruggire e chiudere la giornata come una delle migliori dell’anno. Infatti, l’SPX  ha registrato la più impressionante rimonta intraday dal dicembre 2008 su base percentuale. Alcuni pensano ad una vendetta degli investitori, ma in ogni caso si è trattato di un’inversione notevole.

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE