Arretrati busta paga docenti e personale ATA: le date ufficiali e la procedura per i pensionati

NoiPa ha pubblicato le date di erogazione degli arretrati busta paga docenti e personale ATA. Tanti i dubbi su chi riceverà gli arretrati e gli importi spettanti.

Dopo le tante richieste pervenute in merito, abbiamo deciso di spiegare alcuni aspetti anche per coloro che sono già in pensione, ma hanno comunque diritto agli arretrati.

ARRETRATI STIPENDIO

Da precisare che ci sono casi in qui gli arretrati non spettano, ad esempio: coloro che hanno svolto supplenze brevi per Covid; per supplenze brevi con contratto determinato; congedo straordinario per legge 104; periodi di aspettativa; eccetera.

Arretrati busta paga docenti e personale ATA

Una Lettrice ci scrive:

Vi leggo sempre con enorme piacere e per questo mi rivolgo a voi per un quesito che spero possiate risolvere. Ho lavorato come personale ATA nella scuola, a tempo determinato, dal 30 settembre 2019 al giugno 2021. Per quanto concerne questi arretrati di cui si parla tanto ultimamente, ne ho diritto e mi arriveranno in automatico considerato che ora non lavoro più’ nella scuola in quanto sono in opzione donna? Grazie mille in anticipo per vostra consulenza. Grazie A.

Gli arretrati interessano il personale scolastico con contratto scuola dal 2019 al 2021. Il messaggio pubblicato dai NoiPa, ha definito l’esigibilità degli importi spettanti dal 27 al 30 dicembre 2022.

Come sono calcolati gli arretrati?

NoiPa ha applicato gli arretrati secondo gli incrementi tabellari per gli anni 2019 – 2020 – 2021. Inoltre, nel calcolo è inclusa l’indennità vacanza contrattuale erogata dal primo aprile 2019 al 31 dicembre 2022. Infine, da gennaio 2023 ha aumentato lo stipendio secondo l’assegno perequativo. È possibile consultare qui il comunicato di NoiPa con le date di esigibilità: NoiPa.

Come verificare il pagamento?

Per monitorare lo stato di pagamento è sufficiente monitorare l’area personale “Consultazione pagamenti” sulla piattaforma NoiPa nella sezione “Emissione speciale Arretrati”.

Per i docenti e il personale ATA in pensione, gli arretrati spetteranno solo per gli anni di servizio effettivamente svolto. In questo caso la situazione si complica, perché l’indennità sarà riconosciuta attraverso l’aggiornamento dell’inquadramento economico. Tale azione è compiuta attraverso la scuola, e sarà riconosciuta solo dopo il controllo della Ragioneria Provinciale dello Stato, che dovrà inviare all’INPS la liquidazione delle spettanze.

Nello specifico se le scuole non riescono ad elaborare le spettanze degli arretrati tramite sul SIDI (per il blocco del personale cessato dal servizio) è necessario presentare opportuna richiesta da presentare all’Ufficio Scolastico di sbloccare l’operatività per potere procedere al ricalcolo delle spettanze. Tale accordo è stato previsto dall’articolo 48 del CCNL raggiunto tramite i sindacati e Aran.

Nello specifico si legge:

<<i benefici economici risultanti dalla applicazione dell’art. 47 (Incrementi degli stipendi tabellari) sono computati ai fini previdenziali, secondo gli ordinamenti vigenti, tenendo conto delle decorrenze e degli importi previsti dalle Tabelle A e C, nei confronti del personale comunque cessato dal servizio, con diritto a pensione, nel periodo di vigenza del presente contratto. Agli effetti dell’indennità di buonuscita o di 61 anzianità, del trattamento di fine rapporto, dell’indennità sostitutiva del preavviso, nonché dell’indennità in caso di decesso di cui all’art. 2122 c.c., si considerano solo gli aumenti maturati alla data di cessazione del rapporto di lavoro>>

Conclusione

Il nostro consiglio è quello di rivolgersi alla scuola di appartenenza e chiedere a loro se sono riusciti a fare l’aggiornamento del prospetto di liquidazione. Ricordiamo che gli arretrati spettano solo per il servizio effettivamente prestato.

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE