Assegno unico: legge 104 e conguagli INPS, sono in arrivo i soldi: lo comunica l’INPS

Comunicato stampaDal 1° marzo 2022 e fino al 28 febbraio 2023 l’ INPS riconosce un importo pari a 175 euro mensile per l’assegno unico e universale ai nuclei familiari con figli con disabilità.

Al fine di assicurare un adeguato sostegno ai nuclei familiari con figli con disabilità,
infatti, il decreto-legge n. 73/2022 ha aumentato, limitatamente all’anno 2022 (periodo
dal 1° marzo 2022 al 28 febbraio 2023), gli importi spettanti a titolo di assegno unico
e universale per i figli disabili senza limiti di età.

Tale importo, sempre limitatamente all’annualità 2022, è maggiorato, per ciascun figlio
con disabilità fino al compimento di 21 anni di età, di un importo, determinato in base
alla condizione di disabilità come definita ai fini ISEE, pari nel massimo a 105 euro
mensili.

Sempre per l’annualità 2022, l’importo della maggiorazione transitoria dovuto ai nuclei
familiari con almeno un figlio a carico con disabilità e con un ISEE non superiore a
25.000 euro (a condizione dell’effettiva percezione nel 2021 di assegni al nucleo
familiare), viene incrementato di 120 euro mensili.

A titolo esemplificativo si riporta la tabella di confronto tra gli importi ante e post
decreto–legge n. 73/2022:

  • Assegno e maggiorazione figli disabili fino a 18 anni, ISEE ≤15.000 euro, importo erogato: 175 euro + (min 85 euro; max 105 euro*) *in funzione del grado di disabilità media, grave, non autosufficiente. Per annualità 2022 nuovo importo Ex Dl 73/2022 è invariato;
  • Assegno e maggiorazione figli disabili 18-20 anni, ISEE ≤15.000 euro, importo erogato: 85,00 euro + 80,00 euro. Solo per annualità 2022, nuovo importo Ex Dl 73/2022: 175 euro +(min 85 euro; max 105 euro *) *in funzione del grado di disabilità media, grave, non autosufficiente;
  • Assegno figli di età pari o superiore a 21 anni, ≤15.000 euro, importo erogato: 85,00 euro. Solo annualità 2022, nuovo importo Ex Dl 73/2022, 175 euro.


Per le domande di AUU presentate entro il 30 giugno, l’adeguamento degli importi sarà
conguagliato retroattivamente a partire dall’assegno di marzo 2022 e riconosciuto per
il periodo 1° marzo 2022 – 28 febbraio 2023. Per le domande presentate dal 1° luglio
2022, il pagamento dell’assegno è già adeguato ai nuovi importi.


A decorrere dal 1° marzo 2023 torneranno ad applicarsi, per i figli maggiorenni affetti
da disabilità, gli importi, suddivisi per fascia di età, previsti dai commi 5 e 6 dell’articolo
4 del decreto legislativo n. 230/2021.


Infine, come previsto dal citato decreto-legge n. 73/2022, sono inclusi tra i beneficiari
dell’assegno unico e universale i nuclei familiari orfanili, per ogni orfano maggiorenne,
a condizione che sia già titolare di pensione ai superstiti e riconosciuto con disabilità
grave ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge n. 104/1992.


Per maggiori approfondimenti si rinvia al messaggio n. 3518 del 27-09-2022.
Per i gradi di disabilità e le modalità di determinazione della maggiorazione transitoria
è possibile consultare la circolare n. 23 del 9 febbraio 2022.

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE