Bonus barriere: detrazione del 75 per cento delle spese sostenute nel 2022, i chiarimenti dell’AdE

L’Agenzia delle Entrate chiarisce alcuni aspetti sul bonus barriere. Nello specifico con la risposta all’interpello n. 475/2022 precisa la detrazione di imposta del 75 per cento sulle spese sostenute nel 2022.

L’Agenzia precisa che:

“Ai fini della determinazione delle imposte sui redditi, ai contribuenti è riconosciuta una
detrazione dall’imposta lorda, fino a concorrenza del suo ammontare, per le spese
documentate sostenute dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 per la realizzazione
di interventi direttamente finalizzati al superamento e all’eliminazione di barriere
architettoniche in edifici già esistenti”.

BONUS BARRIERE - DETRAZIONE DEL 75%
BONUS BARRIERE – DETRAZIONE DEL 75%

L’AdE ha esaminato il quesito di un contribuente che chiedeva la possibilità di fruire dell’agevolazione in quanto soggetto IRES. L’Agenzia ha consigliato di consultare la circolare n. 23/E del 23 giugno 2022, contenente tutti i chiarimenti in merito e la risposta a tale quesito secondo l’ambito soggettivo di applicazione.

Inoltre, precisa che, in risposta al quesito posto, la legge prevede che la detrazione del 75 per cento spetta per a realizzazione di eliminazione di barriere architettoniche su edifici già esistenti. Pertanto, la detrazione non è ammessa per gli interventi effettuati nella fase di costruzione dell’immobile. Inoltre, non è prevista per gli interventi realizzati mediante la demolizione e ricostruzione, compresi, anche quelli di aumento volumetrico dell’edificio preesistente.

Bonus barriere: detrazione del 75 per cento delle spese sostenute nel 2022

Ricordiamo che la detrazione spetta in cinque quote annuali di uguale importo, nella misura del 75 per cento delle spese sostenute sull’ammontare complessivo non superiore a 50mila euro per gli edifici unifamiliari; non superiore a 40mila euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio (per edifici composti da due a otto unità); non superiore a 30mila moltiplicati per il numero delle unita immobiliari dell’edificio con più di otto unità.

L’Agenzia delle Entrate, infine, precisa che è possibile fruire della detrazione in dichiarazione, dello sconto in fattura o della cessione del credito corrispondente alla detrazione.

La risposta dell’AdE

Nel caso esaminato dall’AdE, la risposta è positiva, in quanto l’istante (soggetto IRES), potrà usufruire della detrazione prevista dall’articolo 119-ter del decreto rilancio, per interventi finalizzati al superamento ed eliminazione delle barriere architettoniche. È possibile consultare qui l’interpello alla risposta dell’Agenzia delle Entrate:

Contatti

Pensione di reversibilità

Entra nella Community e nella Chat del Gruppo WhatsApp al numero 379 122 78 26 con notizie sul lavoro, sull’invalidità, sulle pensioni, sui vari bonus e Legge 104. Nei gruppi Facebook puoi confrontarti con migliaia di persone con i tuoi stessi interessi:

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE