Cosa fare per non perdere l’indennità di malattia?

I lavoratori dipendenti che non possono recarsi al lavoro per causa malattia, tramite il medico di base, devono comunicare i giorni di assenza.

Un lettore ci chiede: “Fino a qualche mese fa sono stata una lavoratrice autonoma e ora sono dipendente. Qualora dovessi ammalarmi cosa devo fare per non perdere l’indennità di malattia? “

Leggi anche: Posso chiedere l’anticipo del TFS? C’è sempre una possibilità

Cosa fare per non perdere la malattia?

La normativa prevede che quando un lavoratore dipendente (privato o pubblico), non può recarsi al lavoro per causa malattia, deve contattare il proprio medico di base che ha il compito di redigere e trasmettere il certificato di malattia in via telematica all’INPS.

L’attestato di malattia indica solo la prognosi, ossia il giorno di inizio e di fine presunta della malattia, mentre il certificato indica la prognosi e la diagnosi ossia la causa chi è ha portato all’assenza per malattia.

Nel certificato il medico di base deve inserire, se necessario, tutte le indicazioni dell’evento traumatico e l’eventuale esenzione della reperibile abilita prevista per alcuni lavoratori invalidi. Il medico consegna al lavoratore un numero di protocollo della trasmissione del certificato di malattia.

Contattaci tramite mail redazione.bonus24ore@gmail.com o WhatsApp dove potrai seguire i nostri aggiornamenti tramite WhatsApp al numero 379 122 78 26

Seguici su Instragram e su Facebook

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE