Novità per la pensione di reversibilità: aumenti e nuovi limiti

La pensione di reversibilità subirà un cambiamento significativo nel 2023 per effetto della rivalutazione annua e non solo.

Una sentenza della Corte Costituzionale (n. 162 del 30 giugno 2022) ha modificato i limiti alle decurtazioni. Analizziamo di cosa si tratta rispondendo anche a un Lettore che ci chiede: “Cortesemente, volevo sapere per le pensioni di reversibilità ci sarà un aumento? Grazie

Novità per la pensione di reversibilità: aumenti e nuovi limiti

La sentenza sopracitata della Corte Costituzionale ha dichiarato che la pensione di reversibilità non può subire una decurtazione in un caso specifico.

In effetti, la Corte specifica che l’assegno di reversibilità non può subire una decurtazione nel caso di cumulo con redditi ulteriori del beneficiario che superino l’ammontare complessivo dei redditi aggiuntivi. La Corte difende il legame familiare che ha lo scopo di favorire il superstite e non rischiare paradossalmente di nuocergli per effetto della decurtazione dovuta ai redditi personali.

Pertanto, nel precisare l’irragionevolezza di una simile situazione, la Corte Costituzionale ha precisato che in presenza di altri redditi, la decurtazione può operare solo fino alla concorrenza dei redditi stessi.

Entra nella Community e nella Chat del Gruppo WhatsApp con notizie sull’invalidità, sui vari bonus e sulla Legge 104. Nei gruppi Facebook puoi confrontarti con migliaia di persone con i tuoi stessi interessi:

Aumenti dal 2023

Nel 2023 saranno aumentate molte pensioni per effetto della rivalutazione annua. Anche la pensione di reversibilità subirà una variazione in aumento dell’importo spettante. Nel prossimo anno l’incremento del tasso è arrivato all’1,9%. In effetti, si prevede, dal primo gennaio 2023, un aumento che va da un minimo di 13 euro fino ad un massimo di 50 euro.

Precisiamo che per effetto della perequazione delle pensioni e gli aumenti per l’anno 2022, l’INPS aveva stabilito una percentuale variazione dal primo gennaio 2022 pari a 1,7% (è possibile consultare qui: la comunicazione INPS). Tale tasso si è incrementato per l’anno 2023 dall’1,7% all’1,9%. A fine 2022, l’Istituto pubblicherà un comunicato dove evidenzierà l’adeguamento delle pensioni al costo della vita.

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE