Pensione: due alternative con 58 anni di età

Le incognite sulla pensione sono tante, affrontiamo oggi le due alternative di pensionamento a 58 anni.

Una Lettrice ci scrive:

“Salve, sono nata a settembre del 1961 e nel mese di giugno ho accumulato 1860 contributi settimanali versati come commerciante e in precedenza come dipendente. Ho presentato all’INPS la domanda per il riscatto del corso di laurea quadriennale. Mi potresti dire quando andrò in pensione?”

Leggi anche: Pensione: 35 anni di contributi effettivi

Pensione: le due alternative possibili

Lei può accedere all’opzione donna già da maggio 2022 senza che sia necessario il riscatto della laurea. In effetti, ha già raggiunto entro la fine del 2020 sia il requisito contributivo di 35 anni sia il requisito anagrafico di 58 anni di età. In questa ipotesi la pensione sarà calcolata con il sistema contributivo, che, ricordiamo comporta in alcuni casi una penalizzazione.

Invece, con il riscatto della laurea di quattro anni, potrà andare in pensione anticipata dal primo dicembre 2023, il calcolo dell’assegno sarà effettuato con il sistema misto. La scelta tra le due ipotesi e condizionata dalla somma che le sarà riconosciuta per il sistema contributivo dell’opzione donna.

Contattaci e segui i nostri aggiornamenti inviandoci un messaggio tramite whatsapp al numero 379 122 78 26

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE