Il TFR spetta anche se si lavora come badante: come calcolare l’importo

Il Trattamento di fine rapporto (TFR), chiamato anche Buonuscita o liquidazione, spetta alla fine del rapporto di lavoro.

Analizziamo il quesito di un nostro Lettore: “Lavoro da 5 anni come badante presso una famiglia occupandomi della casa e dei bambini per 5 ore al giorno per 5 giorni della settimana. Volevo cortesemente sapere qualora dovessi licenziarmi mi spetta la liquidazione?”.

Il TFR spetta anche se si lavora come badante

La risposta è affermativa il diritto alla liquidazione TFR spetta all’atto della risoluzione del rapporto di lavoro per dimissioni o licenziamento. L’importo del trattamento di fine rapporto (TFR) o liquidazione, è calcolato anno per anno, sommando le retribuzioni corrisposte in ciascun mese, compresa la tredicesima, e dividendo il risultato per 13,5.

Gli importi ottenuti prima di essere sommati tra di loro, devono essere rivalutati, ad eccezione dell’anno in corso. La rivalutazione è calcolata moltiplicando l’importo di ogni anno per due tassi, uno fisso pari a 1,5%, e uno variabile che va aggiunto al primo. Quello variabile è pari al 75% dell’aumento del costo della vita, è basato sull’indice Istat. Per coloro che già sono in servizio prima del 1990, si applicano delle regole diverse e molto più complesse.

Contatti

Entra nella Community e nella Chat del Gruppo WhatsApp al n. 379 122 78 26 con notizie sul lavoro, invalidità, pensioni e sui vari bonus e Legge 104. Nei gruppi Facebook puoi confrontarti con migliaia di persone con i tuoi stessi interessi:

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE