Agevolazioni fiscali per acquisto auto con legge 104 articolo 3 comma 1 e non solo

La legge 104 permette di fruire di agevolazioni fiscali per acquisto auto. Ci si chiede se le agevolazioni spettano anche senza handicap grave (art. 3 comma 3).

In merito un Lettore sul nostro gruppo Facebook ha posto il seguente quesito: “Con la legge 104 articolo 3 comma 1, essendo obbligato a prendere macchine con cambio automatico ci sono qualche agevolazione ai fini fiscali?”

Può ottenere l’IVA agevolata, la detrazione fiscale del 19% sull’acquisto massimo di 18.075,99 euro”, e anche l’esenzione del bollo auto e iscrizione al PRA, se subentrano i presupposti. L’Agenzia delle Entrate precisa che per le persone a mobilità ridotta o incapace (ma non affetta da grave limitazione della capacità di deambulazione) il diritto alle agevolazioni è subordinato all’adeguamento del veicolo. Non è necessario che i disabili abbiano diritto all’indennità di accompagnamento.

Permessi legge 104 anche se non si è sposati

Agevolazioni fiscali per acquisto auto con legge 104: le caratteristiche

Le caratteristiche di mobilità delle persone con disabilità devono essere chiaramente menzionate nell’attestazione rilasciata dalla competente commissione medica o da altra commissione di sanità pubblica deputata al riconoscimento dei diritti civili, lavorativi, bellici, ecc. Nei casi in cui la malattia si autoesclude o limita l’uso degli arti inferiori, non è necessario indicare esplicitamente sul certificato di capacità motorie ridotte o impedita.

Agevolazioni fiscali disabili: per che tipo di veicoli?

Oltre alle auto e ai motocicli (per le seguenti tipologie di veicoli può essere riconosciuta solo la detrazione Irpef), le persone di questa fascia di portatori di handicap possono beneficiare di sconti anche sui seguenti veicoli:

  • carrozzine
  • autoveicoli o autoveicoli per uso promiscuo, o per il trasporto specifico di persone a mobilità ridotta.

Permessi legge 104 anche nei giorni festivi? La risposta arriva dall’INPS

Adattabilità del veicolo per disabilità

Per le persone con mobilità ridotta, l’adattamento del veicolo è condizione necessaria per poter beneficiare di tutti i servizi (IVA, Irpef, bollo e bollo).

Gli adeguamenti devono sempre risultare dalla carta di circolazione a seguito di collaudo presso Motorizzazione Civile e dei Trasporti in Concessione. Gli adattamenti possono interessare sia modifiche ai comandi di guida che solo alla carrozzeria o agli accessori interni del veicolo, per consentire l’accessibilità alle persone con disabilità.

Le modifiche al sistema di guida devono corrispondere alle condizioni prescritte dall’Azienda Sanitaria Locale preposta al controllo sanitario del conducente e sono destinate a persone con capacità motorie ridotte o mobilità ridotta munite di apposita patente.

Per i titolari di patenti speciali è anche considerato “idoneo” un veicolo dotato di serie del solo cambio automatico (o frizione automatica), purché prescritto dalla Commissione medica competente preposta all’accertamento dell’idoneità di guida.

Entra nella Community e nella Chat del Gruppo WhatsApp con notizie sull’invalidità, sui vari bonus e sulla Legge 104. Nei gruppi Facebook puoi confrontarti con migliaia di persone con i tuoi stessi interessi:

Documenti da presentare

Oltre ai documenti di cui al comma precedente, i portatori di handicap a mobilità ridotta o impedita (ma non gravemente limitata la capacità di deambulazione) devono presentare:

  • copia della patente di guida speciale o copia del foglio rosa “speciale”(Solo per persone con disabilità motoria). Possono beneficiare della detrazione IRPEF, indipendentemente dal fatto che una persona con disabilità abbia o meno la patente, le persone con disabilità e i familiari di cui a carico il disabile.
  • agevolazione IVA al 4%, in caso di acquisto di servizi o accessori, bisogna presentare un’autodichiarazione che riporti l’ invalidità permanente a mobilità ridotta, come prova del certificato medico in possesso dell’acquirente o del cliente (se previsto);
  • copie della carta di circolazione attestante che il veicolo ha la specifica attrezzatura per guida disabile con patente speciale, o il veicolo è adattato per una disabilità fisica/motoria;
  • copie della certificazione di handicap o di invalidità che deve riportare chiaramente la natura dell’handicap. La certificazione deve essere rilasciata da una Commissione pubblica deputata all’accertamento.

Dal 29 gennaio 2022 sia per la patente che per il certificato ridotte e impedite capacità motorie, è possibile presentare una copia della patente posseduta che contenga l’indicazione degli adattamenti per il veicolo agevolabile.

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE