Assegno pensione troppo basso, c’è un errore di calcolo?

La pensione è sempre più bassa e i lavoratori con una vita lavorativa discontinua o con rapporto part-time si trovano brutte sorprese sull’assegno pensionistico.

In merito analizziamo il quesito di una nostra Lettrice:

“L’assegno pensione è troppo basso sono nata nel 1953 e da ottobre 2021 percepisco la pensione di vecchiaia. Dopo ventidue anni di contributi INPS come dipendente part time prendo 492 euro al mese e non ho il diritto all’integrazione al minimo perché il reddito di mio marito non lo consente. Chi non ha versato mai i contributi e non possiede nulla ha diritto ad un assegno sociale pari a 468 euro netti al mese. Vale a dire in meno di chi ha ventidue anni di contributi. È esatto? Oppure c’è un errore di calcolo?

Assegno pensione troppo basso

Purtroppo, non credo ci siano errori di calcolo nella sua pensione. Non è raro che ci sia poca differenza tra l’assegno sociale e una pensione di vecchiaia raggiungibile con pochi anni di contributi e retribuzioni non elevate.

Precisiamo che si tratta di due prestazioni di natura diversa. La pensione è previdenziale, quindi determinata da contributi versati, l’ assegno sociale è di natura assistenziale e dipende solo dalle condizioni di bisogno dell’interessato.

Contatti

Entra nella Community e nella Chat del Gruppo WhatsApp al n. 379 122 78 26 con notizie sul lavoro, invalidità, pensioni e sui vari bonus e Legge 104. Nei gruppi Facebook puoi confrontarti con migliaia di persone con i tuoi stessi interessi:

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE