Buoni postali oggi più convenienti, fissati i nuovi tassi più elevati

Sono aumentate i tassi dei buoni postali ordinari, grazie a un decreto ministeriale dello scorso 6 luglio, che ha fissato rendimenti più elevati per vari prodotti.

Per un buono di venti anni si matura il 2%, mentre per un buono postale riservato ai minori, alla scadenza dei 18 anni, il rendimento previsto è addirittura del 3,5% lordo, ovvero un punto in aumento.

Buoni postali oggi più convenienti

Questo è un effetto a catena delle pressioni inflazionistiche, che produce un aumento dei tassi della banca centrale e di conseguenza un aumento dei rendimenti dei prodotti correlati, comprese le obbligazioni fruttifere emesse da CDP e distribuite da Italiane.

Leggi anche: Bce non si ferma ed è pronta ad aumentare i tassi di 50 punti

Questi sono prodotti con rendimenti bassi ma sicuri, rimangono fissi dal momento dell’investimento e maturano alla loro naturale scadenza.
I Buoni non hanno commissioni di abbonamento di riscatto e gli utili sono soggetti a una riduzione del 12,5%.

I nuovi Buoni postali per oltre tre anni e simili sono stati successivamente ristampati, consentendo flessibilità.
Invece del buono 55, con una durata di 25 anni, ci sono, ad esempio i buoni 32 che prevedono rendimenti crescenti, poi, i buoni 34 e 44.

I libretti nominativi sono invece rimasti invariati, con un rendimento lordo dello 0,001%.
Invece, il libretto Smart, dal 1 luglio, prevede un’offerta con interesse dell’ 1% annuo lordo.

ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE