Novità TFS – TFR: procedura di riscatto semplificata, come inviare la domanda

Con il messaggio n. 2243 del 17 giugno 2024, l’INPS comunica che, nell’ambito dei servizi online offerti dall’Istituto, è disponibile una nuova procedura per l’inoltro delle domande telematiche relative ai riscatti ai fini del trattamento di fine servizio (TFS) e del trattamento di fine rapporto (TFR) per gli iscritti e per le Amministrazioni statali.

L’INPS, tramite i canali social, ha postato un avviso in cui avvisa i cittadini delle ultime novità sulla domanda del TFS o TFR.

Messaggio INPS con novità su TFS -TFR

Le funzionalità disponibili per il cittadino includono:

  • domanda di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per gli iscritti all’ex INADEL);
  • richiesta di anticipata estinzione delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per gli iscritti all’ex INADEL);
  • registrazione dell’avvenuto pagamento di anticipata estinzione (sia per gli iscritti all’ex ENPAS che per gli iscritti all’ex INADEL);
  • richiesta di esonero dal pagamento delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per gli iscritti all’ex INADEL);
  • rinuncia al riscatto ai fini TFS/TFR (sia per gli iscritti all’ex ENPAS che per gli iscritti all’ex INADEL);
  • consultazione delle domande inoltrate (sia per gli iscritti all’ex ENPAS che per gli iscritti all’ex INADEL).

Nuove funzionalità

Le funzionalità disponibili per l’Ente datore di lavoro includono:

  • domanda di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per le Amministrazioni statali – iscritti ex ENPAS);
  • richiesta di anticipata estinzione delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per le Amministrazioni statali – iscritti ex ENPAS);
  • richiesta di esonero dal pagamento delle rate residue di riscatto ai fini TFS/TFR (solo per le Amministrazioni statali – iscritti ex ENPAS);
  • nuova domanda di riscatto ai fini TFS/TFR a rettifica della precedente già inoltrata (solo per le Amministrazioni statali – iscritti ex ENPAS);
  • consultazione delle domande inoltrate (solo per le Amministrazioni statali – iscritti ex ENPAS).

Come inviare la domanda per il riscatto TFS – TFR

La nuova procedura online è accessibile dal sito www.inps.it, utilizzando SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi), CIE 3.0 (Carta di Identità Elettronica 3.0), PIN dispositivo (rilasciato dall’Istituto solo per i residenti all’estero) ed eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature). Per accedere, digitare “Riscatti TFS e TFR” nel campo di ricerca della homepage.

Le istanze di riscatto TFS/TFR già inoltrate possono essere consultate nella sezione “Consultazione domande inoltrate” della precedente procedura. Il manuale è disponibile nella sezione “Manuali” del sito istituzionale.

Gli utenti possono inoltre utilizzare i servizi offerti dagli Istituti di Patronato riconosciuti dalla legge o contattare il Contact Center Integrato al numero verde 803164 (gratuito da rete fissa) o al numero 06164164 (da rete mobile a pagamento in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).

A partire dalla data di pubblicazione del presente messaggio, la consultazione delle domande di riscatto TFS/TFR e la loro acquisizione avverrà tramite la procedura “WEBDOM”.

L’operatore di Sede può consultare le domande presentate dagli iscritti utilizzando le funzionalità della procedura “WEBDOM”. Una volta acquisita la domanda tramite questa procedura, è possibile trasferire la lavorazione nell’applicativo “SIN”.

La modalità di lavorazione della pratica di riscatto rimane invariata, eccetto per le domande provenienti dalle Amministrazioni statali, per le quali non è più possibile modificare i dati specifici della domanda. In questi casi, è necessario utilizzare la nuova funzionalità “Accogli con riserva” per richiedere all’Amministrazione la modifica dei dati inseriti.

Fonte: messaggio INPS n. 2243 del 17 giugno 2024

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE