Opzione Donna e contributi figurativi validi per il pensionamento

La pensione con Opzione Donna permette di anticipare il pensionamento, ma non tutti i contributi sono validi.

Infatti, questa misura pensionistica risulta penalizzante per le lavoratrici, in quanto oltre all’esclusione di alcuni contributi, l’assegno è calcolato interamente con il sistema contributivo.

Opzione Donna e contributi figurativi validi

Una Lettrici ci pone il seguente quesito: “Vorrei sapere se nel pubblico impiego i contributi dei periodi di congedo parentale al 30% sono utili per andare in pensione con opzione donna”.

I contributi figurativi sono validi ai fini del pensionamento, ma non tutti. Ci sono alcune misure pensionistiche che escludono alcune tipologie di contributi. Una di queste è la pensione anticipata Opzione Donna. Questa misura dedicata alle donne lavoratrici, dipendenti e autonome, è calcolata interamente con il sistema contributivo. Nel calcolo sono esclusi i contributi figurativi che sono accreditati per il periodo i disoccupazione indennizzata (NASPI, ASPI, MINIASPI, eccetera) e i periodi di malattia.

Sono inclusi nel requisito contributivo di 35 anni richiesti per l’Opzione Donna i contributi figurativi per i periodi di congedo di maternità obbligatori o facoltativa. Questi contributi sono considerati nel calcolo del montante contributivo di 35anni. Ricordiamo che anche i contributi figurativi per il congedo straordinario di due anni sono validi ai fini del pensionamento con Opzione Donna.

Pensione in scadenza

Questa misura scade il 31 dicembre 2022 e possono accedere le lavoratrici dipendenti con 58 anni di età e le autonome con 59 anni di età. Come sopra indicato il requisito contributivo richiesto è di 35 anni. Inoltre, ricordiamo che il sistema contributivo prevede una penalizzazione sull’assegno che va dal 20 al 30% in base all’ultimo stipendio percepito., molto dipende dalla carriera lavorativa della lavoratrice. Infine, precisiamo che l’anticipo pensionistico con Opzione donna non è possibile per le lavoratrici iscritte alla Gestione Separata. Inoltre, la contribuzione versata in questa gestione non è utilizzabile per il perfezionamento del requisito contributivo per le lavoratrici iscritte ad altre gestioni.

Questa misura è al momento al centro della nuova Riforma pensionistica. Allo studio una misura che estendere il beneficio anche agli uomini, la nuova ipotesi si chiamerà “Opzione per tutti“. Ma al momento niente di preciso, il nuovo Governo sembra abbracciare varie ipotesi che permettano maggiore flessibilità.

Invia il tuo quesito

Entra  Gruppo WhatsApp al n. 379 122 78 26 e riceverai notizie sul lavoro, invalidità, pensioni e sui vari bonus e Legge 104.

Nei gruppi Facebook puoi confrontarti con migliaia di persone con i tuoi stessi interessi:

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE