In pensione nel 2024: ‘lavoro dal 1982 e ho 59 anni’

Esistono varie possibilità per uscire dal lavoro e accedere alla pensione nel 2024. Esaminiamo il caso di un lavoratore che lavora dal 1982 e ha 59 anni.

Un Lettore tramite il nostro canale Whatsapp ha chiesto: “Salve, io e dal 1982 che lavoro, quando potrò andare in pensione? Ho letto varie notizie che per andarci bisogna avere 67 anni con 20 di contributi, io ho 59 anni è 42 anni è 5 mesi, come funziona ora nel 2024?”

Pensione di vecchiaia nel 2024 a 67 anni

Hanno diritto alla pensione tutti i lavoratori assicurati presso l’assicurazione obbligatoria, alla Gestione Separata e ai Fondi pensioni esclusivi e sostitutivi dell’AGO. Questa misura prevede il raggiungimento dell‘eta pensionabile che, nel 2024 e fino al 2026, è di 67 anni. Il requisito contributivo richiesto è di un minimo di 20 anni.

La domanda di pensione di vecchiaia può essere presentata online tramite il sito INPS, attraverso il servizio dedicato. In alternativa, è possibile presentare domanda tramite il Contact center al numero 803164 da rete fissa e 06164164 da rete mobile, oppure, attraverso Patronati abilitati.

Pensione anticipata

La pensione anticipata è stata introdotta dal D.L. n. 201/2011 all’art. 24 co. 10, questa misura non prevede un requisito anagrafico ma solo un requisito contributivo. Per accedere alla pensione anticipata servono 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne. A tale requisito non si applicano, sino al 31 dicembre 2024, gli adeguamenti della speranza di vita ISTAT.

Alla maturazione dei requisiti è prevista una finestra di tre mesi, Il lavoratore durante questa finestra può continuare a lavorare.

Contributi utili per il pensionamento anticipato

Per la pensione anticipata sono utili tutti i contributi: volontari, obbligatori, da riscatto e figurativi. A condizione che risultano almeno 35 anni di contributi “utili”, al netto della contribuzione figurativa per disoccupazione indennizzata, infortunio e malattia (circolare INPS 180/2024).

I lavoratori che sono privi di contribuzione ante 1996 o che richiedono il calcolo interamente contributivo della pensione, le anzianità derivanti dalla prosecuzione volontaria nel versamento dei contributi non vengono considerate ai fini del requisito contributivo (circ. INPS 14 marzo 2012 n. 35).

Tuttavia, il requisito contributivo può essere raggiunto attraverso il regime di cumulo, come modificato dalla L. n. 232/2016. In questo caso, i versamenti effettuati presso gestioni previdenziali differenti, incluse le casse professionali, possono essere sommati ai fini del diritto a pensione.

La domanda di pensione anticipata può essere presentata tramite il sito INPS al servizio dedicato o tramite Patronato abilitato.

Seguici

Entra  Gruppo WhatsApp e riceverai notizie sul lavoro, invalidità, pensioni, sui vari bonus e Legge 104.

Le nostre pagine Facebook e Linkedin

Nel gruppo Facebook potrai confrontarti con migliaia di persone: Pensioni ultime news, legge 104, bonus e agevolazioni

Angelina Tortora
Angelina Tortorahttps://bonus24ore.it
Giornalista pubblicista iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Campania, ragioniera commercialista iscritta all'ordine dei Revisori Legali. Si occupa di tematiche fiscali e previdenziali. Aiuta il Lettore nel disbrigo delle pratiche dalle più semplici alle più complesse. Direttrice di varie testate giornalistiche e impegnata in vari progetti editoriali e sociali.
ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE