La pesca ricca di vitamine, ideale nella dieta, depura il corpo e previene l’invecchiamento

La pesca contiene tantissime proprietà benefiche, consigliata nelle diete, depura il corpo, combatte gli inestetismi della cellulite e l’invecchiamento.

Ormai siamo a primavera inoltrata e ci avviciniamo all’estate e possiamo gustare e apprezzare i sapori freschi del momento. Un frutto che sazia e nello stesso tempo contiene poche calorie, è la pesca, usata proprio come spuntino la mattina e come merenda al pomeriggio. Frutto molto dolce e ricco di vitamine, e non tutti lo sanno, mangiare la buccia è molto salutare.

La pesca depura il corpo e previene l’invecchiamento

I benefici per chi è abituato a mangiare le pesche sono tanti. Questo frutto è ricco di acqua combatte la ritenzione idrica, depura il corpo, fa bene ai muscoli e per la felicità di tante donne, combatte la cellulite. Inoltre mantiene in salute i reni, aiuta a digerire e aiuta ad abbassare il colesterolo cattivo.

La pesca ha origini in Cina, in particolare dalla pianta ‘Prunus Persica‘, in Cina è simbolo di immortalità, anche per questo vicino ai defunti ne vengono messi cesti interi come buon augurio.

Andando più nel dettaglio la pesca è ricca di beta-carotene producendo così tanta vitamina A, è un ottimo antiossidante e previene l’invecchiamento cellulare. Un’altra proprietà contenuta in questo frutto e il Retinolo, di notevole importanza per la buona salute degli occhi prevenendo la degenerazione oculare. Grazie alla presenza di magnesio allevia i dolori mestruali e ottimo per chi soffre di insonnia e di stress, rilassando così la muscolatura.

I benefici per chi mangia questo frutto non finiscono. In loro c’è anche tanto iodio, che aiuta il corretto funzionamento della tiroide, il fegato grazie al buon drenaggio epatico e aiuta la diuresi.

Leggi anche: Fagiolini ricchi di calcio e magnesio: depurano e proteggono le ossa

Quale pesche scegliere?

Per quanto riguarda la scelta della pesca è indifferente, tutte hanno le stesse proprietà benefica, la scelta è solo una questione di gusto; solo quella bianca è più ricca di iodio. La più conosciuta è la pesca gialla composta da molta polpa, tanto succo e molto profumata. È usata nella preparazione di crostate, marmellate e dolci vari. Poi, c’è la cosiddetta pesca noce, ha una buccia liscia ed è molto usata per fare le macedonie.

Come sopra menzionato la buccia della pesca è ricca di vitamine, se si decide di mangiare anche la buccia, la raccomandazione è quella di lavare bene il frutto ed è consigliato verificarne la provenienza, si consiglia un’agricoltura biologica.

Gli ultimi consigli per chi ama mangiare questo frutto, è quello di consumarlo lontano dai pasti e non bere acqua durante il suo consumo, perché fermenta e può causare gonfiori. Se per case vi accorgete di avere in casa delle pesche troppo mature, non buttatele via, ma schiacciate la polpa e usatela poi come maschera per la vostra bellezza; un vero toccasana per pelli sensibili, secche e delicate. Ma bisogna fare molta attenzione al nocciolo della pesca, è nocivo, contiene amigdalina, sostanza tossica per l’organismo umano.

Ricetta zuppa di pesche alla cannella, una vera bontà

Le pesche sono molto usate per fare confetture, crostate e dolci vari. Oggi vi proponiamo la ricetta della zuppa di pesche con la cannella.

Ingredienti per 4 persone: 5 pesche gialle; dei fiori di garofano; 50 grammi di zucchero; menta fresca quanto basta; una stecca di cannella; 2 cucchiai di succo di limone; 1 bicchiere di vino bianco e infine un’altra pesca gialla per guarnire.

Preparazione

Mettere le pesche in acqua bollente e per poi spellarle. Dopo averle spellate sia passa a togliere il nocciolo, tagliarle a pezzi e poi frullarle. Mettere il frullato in una ciotola e aggiungere lo zucchero e il succo di limone. Mettete il composto per 20 minuti in frigorifero, nel frattempo far cuocere a fuoco basso per due minuti i chiodi di garofano, il vino e la cannella. Lasciarlo raffreddare, filtrato e unitelo all’altro preparato che avevate messo in frigo, mescolare bene il tutto per poi riporlo di nuovo in frigo. Al momento di servirlo, usate delle ciotole, guarnire con delle fettine di pesca e qualche fogliolina di menta fresca.

ARTICOLI CORRELATI

DALLO STESSO AUTORE